mercoledì 1 luglio 2009

Riso dell'Imperatore, radicchio e balsamico



Ecco questo è un altro primo piatto del quale sono golosissima. Lo faccio appena posso (tempo permettendo) perchè amo questa varietà di riso dal profumo intenso e dal caratteristico aroma.
Il riso Venere esiste in Cina da secoli, ma è sempre stato riservato alle tavole dell’Imperatore e dei nobili perchè raro e poco produttivo, anche oggi infatti è di poco più costoso degli altri.
Ha un contenuto quattro volte superiore, rispetto agli altri risi, di ferro e il doppio di silicio, quest’ultimo molto importante per le sue proprietà antiossidanti ed utile nella formazione e riparazione del tessuto osseo. Notevoli sono anche le percentuali di fibre e fosforo. Le particolarità di questo riso sono che nonostante le lunghe cotture rimane leggermente coriaceo esternamente per cui rimane "al dente" e i chicchi più piccoli del classico riso italiano, rimangono separati.



Ingredienti per due porzioni:

una tazza e mezzo di riso venere
un radicchio
due cipollotti rossi freschi
un cucchiaio di olio evo
due cucchiai di aceto balsamico ristretto
due tazzine da caffè di vino rosso
un litro di brodo vegetale


Procedimento:

Vi dico subito che quì ho sfoggiato il mio asso nella manica, il mitico Bimby...Questo perchè gira lui il risotto per me e visto che il tempo di cottura è lunghissimo mi fa davvero comodo ;)
Dunque partiamo dall'inizio: si taglia abbastanza finemente il cipollotto fresco (il mio era rosso) e si fa tostare con un cucchiaio di olio evo e se necessita un cucchiaio di acqua. Dopo qualche minuto si aggiunge il vino rosso ( di quello buono però tipo negroamaro, primitivo di manduria ecc..) a volte ho utilizzato anche il passito fatto in casa con vinacce rosse viene bene ugualmente. Quando la cipolla è disfatta si aggiunge il riso si fa tostare e si inizia ad aggiungere il brodo poco per volta mano a mano che viene assorbito bisogna rimpinguare. Questo fino a cottura ultimata. Il brodo deve essere vegetale e possibilmente con dado fatto in casa e quindi già salato ;)
Come dicevo la cottura è lunga ci vogliono un'ora ed un quarto, poi assaggiate e se non siete convinti fate stare ancora un altro pò. Quasi a fine cottura aggiungere il radicchio tagliato finemente (diciamo almeno dopo 50 minuti di cottura del riso) e appena spegnete il fuoco mantecate con dell'aceto balsamico. Aggiustate di sale se necessita. Quì apro una parentesi perchè la qualità del balsamico è fondamentale per la buona riuscita del piatto. Io uso questo lo trovate alla Coop o al Pam. Dopo tutta questa prosopopea buon appetito ;D

6 commenti:

  1. Adoro anche io questa varietà di riso, è saporita e profumata... yum! :)

    RispondiElimina
  2. Il riso venere è un riso che non compro mai, una buona occasione per iniziare..:))

    RispondiElimina
  3. Vera, Lisette è davvero fantastico!

    RispondiElimina
  4. Ciao Spighetta! Una domanda: si può fare anche con il radicchio rosso di Treviso??

    RispondiElimina
  5. Interessante, non so perchè ma il venere non l'ho mai risottato... e con il radicchio poi!

    RispondiElimina
  6. Konstantina, certo che si! Io quì non lo trovo quasi mai quindi sono costretta a prendere l'altro, ma quello di Treviso è ottimo!

    Azabel, risottato è molto buono ma ribadisco che rimane al dente ;)

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin