martedì 13 ottobre 2009

Grissini al sale nero delle Hawaii



Ultimamente i blog culinari fioccano di ricette di grissini ed io, che non ne avevo mai fatti in vita mia, non me lo sono di certo fatto ripetere due volte! Visto che non sono un'esperta son voluta partire con una ricetta semplice semplice tanto per prendere confidenza con la "cosa" per cui ho fatto un impasto simil pizza, il tocco in più è dato dal sale nero delle Hawaii che ha un gusto particolare ed azzeccatissimo, poi è nero e fa molto chic.

Ingredienti:

600 g di farina (450 g zero e 150 g manitoba)
1 cubetto di lievito fresco
300 g circa di acqua
un cucchiaino di miele
1 cucchiaino di sale marino integrale
10 g di olio evo spremuto a freddo
sale nero delle Hawaii q.b.



Procedimento:

Intiepidire l'acqua, aggiungere un cucchiaino di miele, appena si è sciolto aggiungere il lievito. Mescolare energicamente ed attendere che in superficie si formi la schiumina. Aggiungere le due farine, il sale, l'olio evo e mescolare fino a quando non si formerà un impasto ben amalgamato e sodo. Far lievitare in un luogo tiepido in una bull coperto da un panno bagnato. Dopo tre ore riprendere l'impasto, dividerlo indicativamente in tante palline (della grandezza di una noce) e formare i grissini.
Spennellare sulla superficie poco olio evo e posizionare qualche grano di sale delle Hawaii pigiando con le dita. Infornare il tutto a 180 ° finchè non doreranno.

28 commenti:

  1. Veramente molto chic, con questo gusto "particolare" mi hai incuriosita, ora dovrò assaggiarlo...ma non credo sia così facile trovarlo!!A perugia lo trovi? a presto

    RispondiElimina
  2. Sara' come dici tu una ricetta semplice semplice, ma hanno un aspetto fantastico fantastico. I grissini sono il mio "pane" e purtroppo qui in Olanda scarseggiano. Provo e.... speriamo. Bravissima

    RispondiElimina
  3. Milla il sapore del sale nero delle Hawaii è particolare aromatico e meno salino di quello normale...non si può raccontare è tutto da provare! io lo trovo a Foligno in un posto chiamato "L'Oca Barocca" (spezieria con prodotti molto ricercati) ma è facilmente reperibile anche on line. Uno dei tanti siti è questo: http://www.saledellavita.com

    Barbara, sei in Olanda ?!? Che bello! Ancora ricordo che buoni quei panini di farina integrale o forse era segale? Umh...

    RispondiElimina
  4. Buonissimi davvero stuzzicanti da mangiare uno dietro l'altro! Che belli con quei pois neri!

    RispondiElimina
  5. Elisa è vero, sono drogate...ne mangeresti una dietro l'altra!

    RispondiElimina
  6. E' vero: i grissini ultimamente spopolano e anche io sto aspettando il momento buono per provarli a fare!

    RispondiElimina
  7. Bellissimi i tuoi grissini e questo sale mi intriga, non ne avevo mai sentito parlare

    RispondiElimina
  8. ciao piccola spiga, mi hai dato una nuova idea su dove mettere il sale nero! :-)

    RispondiElimina
  9. ma sono splendidi!!!!io il sale nero non ce l-ho..ancora!>DDD

    RispondiElimina
  10. ahaha...è vero il nero è proprio chic (non lo dire a nessuno..ma una volta ho visto anche la cartaigienica nera! quanto era GLAAAM! :p )
    io non ho mai provato questo sale, mi sapresti descrivere il suo sapore?
    e dove lo hai trovato? questi sali esotici mi incuriosiscono molto, e i tuoi grissimi Chic sono simpaticissimi, non lo sai cara che i pois sono very fashion!!!

    RispondiElimina
  11. ciao mi presento sono Francesco da Milano, i tuoi grissini sono bellissimi.....ma scusami dopo averli formati non li fai lievitare ancora o li metti subito in forno? grazie

    RispondiElimina
  12. ciao, ma che bello il tuo blog. mi piacciono molto questi grissini, li proverò. un bacione

    RispondiElimina
  13. Bellissimi e fragranti questi grissini a pois :-) Buona serata

    RispondiElimina
  14. Ciao federica,ma come fai a tenere questi ritmi in cucina?complimenti..volevo chiederti un consiglio:oggi ho fatto i tortelli ripieni ma il mio problema è il dopo,ovvero tanti si sono tutti attaccati al vassoio, ho messo della farina ma forse non abbastanza.e poi sui lati si sono seccati molto,è normale? li ho fatti con le uova ma ho visto dopo la tua ricetta con farina di grano duro(quelli di zucca,bellissimi),solo farina e acqua,l'impasto viene bene? è difficile da fare? io sono stanchissima,dopo aver fatto i tortelli;)bacioni

    RispondiElimina
  15. una bella idea si prende confidenza con i nuovi ingredienti

    RispondiElimina
  16. Ciao ragazzi!
    Grazie per i complimenti per di più per una preparazione che inizialmente pensavo non potesse suscitare tutta questa attenzione, tanto è semplice :)

    Cuochella, il sale nero on line lo trovi quì: www.saledellavita.com, ma suppongo che a Milano troverai sicuramente una spezieria che ce l'ha! Semmai prova a vedere da: Peck, Eataly, Superpolo, Auchan (cinisello), Carrefour. Io ho la fortuna di avere una spezieria che vende sale, pepe, tè e spezie moooolto particolari a pochi km da casa mia ma spesso ho acquistato on line senza alcun problema! Descrivere il sapore non è facile. E' un sale lavico sembra leggermente affumicato e meno salato di quello normale. Fa sicuramente la sua figura e...si fa notare ;)

    Francesco, i grissini non li ho fatti rilievitare anche se si può certamente fare. Son venuti croccanti fuori e morbidi dentro...Uno tira l'altro, per cui in una cena per quattro persone sono stati spazzolati via completamente.

    Lisette, ultimamente ho potuto dedicare più tempo alla cucina perchè ero a casa. Inizierò a lavorare dalla prossima settimana per cui spero di riuscire a star dietro, come ho fatto fino ad ora, al blog...dopo tutto bisogna pur mangiare, no?
    Veniamo ai ravioli. Se è la prima volta che li fai, tranquilla, può succedere che non vengano! Ci sono passata anche io! Bisogna insistere e riprovare ;)
    Ecco i trucchetti:

    1. L'impasto deve risultare equilibrato (nè troppo umido, nè troppo secco) io mi trovo bene senza uova, ma forse inizialmente con le uova è più semplice. (n.b. se metti le uova non dovresti aver bisogno di acqua!!!)

    2. Per non far attaccare il raviolo al piano di lavoro metti molta farina usa assolutamente quella di grano duro specifica per la pasta fresca (la De Cecco è ottima, ma io uso quella bio della Coop, altrettanto valida).

    3. Per eliminare la farina in eccesso, prima di immergere i ravioli in acqua bollente, basta passarli con la mano spolverandoli.

    4. Inizialmente ti consiglio di fare i ravioli a ridosso della bollitura. Se li fai la mattina per consumarli la sera può succedere che il centro si inumidisca (c'è il ripieno!) e si attacchi al piano di lavoro, mentre i bordi si induriscono seccandosi!

    5. Per non far seccare troppo il raviolo prima di cuocerlo coprirlo con un panno di cotone. (in genere è più utile in estate questa operazione visto il caldo).

    6. Per non arrivare distrutta dopo aver fatto i ravioli procurarsi un'impastatrice e una macchinetta per stendere la sfoglia. Sicuramente sarà più veloce e facile l'operazione. Anche io sto meditando di comprarne una costano poco e le più recenti hanno un motore per stendere la sfoglia!!!

    RispondiElimina
  17. Spighetta mia, dovresti per favore, nel caso l'avessi fatto, rimuovere al più presto la foto della raccolta delle melanzane- Sul mio blog trovi il pdf scaricabile aggiornato.
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  18. Ciao cara Simona! Ho letto del patatrac che è successo! Cerco subito il post e tolgo la foto come mi chiedi! Il pdf lo scarico subito!!!
    Un besos!

    RispondiElimina
  19. Semplici sì ma ti sono venuti da Dio!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  20. grazie forse mi ripeto il tuo blog è fantastico!!!!

    RispondiElimina
  21. Francesco sei troppo gentile ;D

    RispondiElimina
  22. Questa sera li faccio e poi ti dirò il risultato....

    RispondiElimina
  23. Ciao Lisette, spero ti siano utili ;)

    RispondiElimina
  24. Ciao, bellissimi davvero! Presto compro questo tipo di sale e cercherò di farli. Grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin