venerdì 26 novembre 2010

Roveja alla contadina

La Roveja è un legume selvatico davvero delizioso! Per tutte le info nutrizionali e la sua particolare storia vi rimando al post precedente dove è spiegato davvero tutto. Mentre lo cucinavo ho pensato che essendo un legume molto antico chissà come è cambiato il modo di elaborarlo nel tempo, chissà come veniva gustato...insomma mi sono lasciata affascinare dal mondo contadino che c'era dietro quando in umbria questo e pochi altri legumi erano la base principale del pasto delle famiglie meno abbienti. Io ho riportato fedelmente la ricetta consigliatami da chi me l'ha venduta anche perchè non sapevo assolutamente che gusto potesse avere. Le prossime volte sperimenterò di più anche perchè il suo sapore è molto simile a quello della lenticchia per cui è assolutamente versatile a mille utilizzi. Detto questo passiamo alla ricetta e buon appetito!!!
Ingredienti:

100 g di roveja
mezza cipolla
1 piccola carota
1 piccola costa di sedano
4 cucchia di passata di pomodoro
maggiorana e timo freschi (due ramoscelli)
olio e sale q.b.
1 peperoncino
5 cm di alga kombu



Procedimento:

Ammollare la roveja per 12 ore in acqua leggermente salata. Metterla in pentola con 5 cm di alga kombu e cuocerla per due ore (io ho dimezzato i tempi con la pentola a pressione). Nel frattempo tritare finemente la corota, cipolla ed il sedano. Far soffriggere leggermente con olio evo ed unire la roveja scolata dal suo liquido di cottura. Aggiungere il peperoncino, il pomodoro, la maggiorana ed il timo. Aggiustare di sale. Lasciar cuocere finchè la roveja non verrà insaporita ed il sughetto non si ridurrà. Servirla con del pane abbrustolito.

8 commenti:

  1. Praticamente come faccio io le lenticchie!Sta roveja devo porprio provarla!bacioni

    RispondiElimina
  2. Il blog Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Ballarini, ti invita a partecipare ad un contest a premi.
    Ai 3 vincitori saranno assegnati 3 fantastici prodotti Ballarini.
    Cosa aspetti? Dai libero sfogo alla fantasia e partecipa al contest.
    http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2010/11/contest-foodblogger-ai-fornelli-con.html

    RispondiElimina
  3. Sono stata molto assente lo scorso mese di novembre e mi sono persa un sacco di tuoi post interessanti Spighetta. Questa roveja non la conosco proprio, vado a leggere la sua storia nell'altro post. Un bacio ;)

    RispondiElimina
  4. Sempre bello scoprire questi ingredienti che rischian esser perduti! la slow food fa un ottimo lavoro...e pure tu con questa meravigliosa zuppa calda per presentarlo! :)
    complimenti!

    RispondiElimina
  5. sai che io non lo conoscevo per nulla, grazie delle infoormazioni dovro venire in zona per provarlo, complimenti e grazie per avercelo fatto conoscere

    RispondiElimina
  6. E' un po' che vedo questo ambito ingrediente volevo sapere dove l'hai comprato? bacino

    RispondiElimina
  7. Ciao, se cerchi la roveja umbra puoi chiedere all'azienda Casale1485 www.casale1485.it nella pagina contatti e loro ti diranno qual è il negozio più vicino a casa tua in cui puoi trovarla..come hanno fatto con me.
    Baci
    Silvia

    RispondiElimina
  8. Io la compero a Perugia, in via dei Priori, da Bavicchi. On line non ho mai provato ;)

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin