lunedì 24 ottobre 2011

Marroni in bicchiere

Per fortuna son tornate le castagne ed i marroni!!! Io ne vado ghiotta e finisco sempre per farci un dolcetto ;) Intanto le adoro anche semplicemente bollite ma cucinandone in abbondanza una parte l'ho destinata ad un dessert vegan ma buonissimo. Questo è un dolce molto naturale con pochi ingredienti semplici e limitato nei grassi e nelle calorie. Il composto, se reso più denso, può essere utilizzato come crema di farcitura per dolci.


Ingredienti:

400 g di marroni
2 cucchiai di malto
1/2 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di agar agar
1 bacca di vaniglia
1 bicchiere colmo di latte di riso
30 g di cioccolato amaro in tavola
1 cucchiaio di brandy o rum

Procedimento:

Bollire i marroni. Nel frattempo portare ad ebollizione il latte di riso arricchito con la cannella, i semi di vaniglia (ricavati dalla bacca), il malto, il rum e l'agar agar. Tagliare finemente a coltello la tavoletta di cioccolata. Spellare e frullare i marroni con il latte di riso (ormai tiepido) ed aggiungere le scaglie di cioccolato, lasciandone una piccola quantità per la decorazione. Versare la crema nei bicchierini, ricoprire con le scagle di cioccolato, servire il dessert tiepido o se si preferisce più solido farlo raffreddare almeno trenta minuti in frigo.

8 commenti:

  1. Una bella idea
    la provo e una buona settimana ciao

    RispondiElimina
  2. è meravigliosa e goduriosissima questa ricetta<!!!!
    sei fenomenale grazie :)
    Barbara

    RispondiElimina
  3. Davvero interessante!Devo riesumare le castagne seccje in dispensa e lo faccio!
    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  4. Deliziosi questi bicchierini, amo le castagne in tutte le salse!

    RispondiElimina
  5. Golosissimi questi bicchierini.

    RispondiElimina
  6. Vado matta per le castagne ma quest'anno da noi in Piemonte hanno preso tutte una malattia dalla cina e sono introvabili! Lo tengo a mente per il prossimo anno! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. Anche io adoro le castagne ;) Ho sentito parlare della malattia ma io riesco a trovarne in umbria e in romagna. Temo che la ricetta sarà molto diversa con quelle secche che io non amo molto. Ma se provate fatemi sapere!!

    RispondiElimina
  8. Mi piace da quando i siti web che capiscono il valore di offrire una fornitura principale gratuitamente. Ho veramente amato analisi tuo messaggio

    RispondiElimina

Related Posts Widget for Blogs by LinkWithin